Ora in onda:
____________

Un trentacinquenne, J.S le sue iniziali, cittadino marocchino conosciuto alle forze dell’ordine, è stato tratto in arresto nel tardo pomeriggio di lunedì 7 settembre dagli agenti della Polizia Locale di Sassuolo perché colto in flagranza del reato di spaccio di stupefacenti oltre che per resistenza a Pubblico Ufficiale.

Nel corso dell’intervento svoltosi presso il parco “I Folletti”, da tempo monitorato dalla Polizia Locale per contrastare attività delittuose e in particolare lo spaccio di stupefacenti, gli agenti hanno sequestrato due “panetti” di hashish del peso di circa 200 grammi, due telefoni cellulari e la somma contante di euro 2.260, provento dell’attività delittuosa. E’ stato inoltre segnalato alla Prefettura di Modena l’acquirente, R.F. le sue iniziali, cittadino italiano residente a Sestola di 55 anni, per detenzione di stupefacenti per uso personale.

A seguito dell’udienza preliminare svoltasi nella mattinata di oggi, dopo la convalida dell’arresto e del sequestro, J.S. è stato rimesso in libertà in attesa del processo, fissato per il prossimo mese di Novembre, con il divieto di dimora nella Provincia di Modena.

“Ringrazio gli agenti della Polizia Locale – commenta il Sindaco Gian Francesco Menani – per la costante ed attenta attività di controllo del territorio che ha portato all’arresto dello spacciatore, un personaggio conosciuto per reati contro la persona ed il patrimonio. Prendiamo atto, anche se non condividiamo pur rispettandola, della decisione di rimetterlo in libertà in attesa di processo, poiché siamo convinti che il semplice divieto di dimora e l’obbligo di presentarsi a novembre non toglierà dalle nostre strade un individuo che, da tempo, ha dimostrato di considerare leggi e divieti alla stregua di carta straccia. A novembre si presenterà per il processo? La vedo dura…”