Home Appennino Reggiano Sapere come soccorrere può salvare una vita

Sapere come soccorrere può salvare una vita

“Spesso la vita di chi accusa un malore, o subisce un incidente o un infortunio, può dipendere dai primi interventi di chi arriva in suo aiuto, che non si deve mai sostituire al personale medico ma che deve però sapere come comportarsi”: così Elio Ivo Sassi, presidente della Croce verde, presenta l’obiettivo del corso di primo soccorso, a partecipazione gratuita, che avrà inizio domani sera (giovedì 29 giugno) nella sede del sodalizio.

“L’iniziativa, che è giunta alla sua quarantasettesima edizione – spiega Sassi – è aperta a tutti gli interessati, a partire dai quattordici anni d’età, e ai nuovi aspiranti volontari della nostra onlus. E’ inoltre rivolta a chi, per ragioni professionali, deve acquisire un’idonea certificazione nel rispetto delle norme di tutela della salute sui luoghi di lavoro, come gli artigiani, i commercianti e i dipendenti di aziende”.

Il percorso formativo si svolgerà in quattro serate, sempre di giovedì, dalle 20.30, e si concluderà il 20 luglio. “Anche in questa occasione – sottolinea il presidente della Croce verde – il nostro appello è quello di apprendere il più e il meglio possibile per soccorrere il prossimo, in caso di necessità, sapendo ogni volta valutare cosa si può e cosa non si può fare, in base alle diverse situazioni d’emergenza, in attesa dell’intervento di personale qualificato, medici, infermieri o volontari della pubblica assistenza”.

Conclude Elio Ivo Sassi: “Crediamo fermamente che questo tipo di formazione debba essere universale. Ognuno può infatti imparare il primo soccorso e tutti dovrebbero essere in grado di attuarlo. Chiunque può infatti ritrovarsi in circostanze che richiedano conoscenze in merito, non solo in rapporto a soggetti estranei, ma anche e soprattutto a persone con cui trascorriamo la maggior parte del nostro tempo, familiari, amici e colleghi di lavoro. Per imprese, amministrazioni pubbliche e istituti scolastici possono essere organizzati corsi specifici, in orari e giorni esclusivi, in base ai rispettivi impegni”.