Ora in onda:
____________

Sono stati tutti identificati e denunciati i 4 cittadini indiani coinvolti nella rissa avvenuta il 26 luglio scorso nel cortile del tempio Sikh di Novellara, nella bassa reggiana. Con l’accusa di rissa aggravata, infatti, i carabinieri della stazione di Novellara hanno denunciato 4 indiani residenti nel reggiano: due fratelli di 21 e 27 anni residenti a Novellara, un 25enne residente a Casina e un 25enne abitate a Novellara. Per il 25enne di Casina si sono aggiunte anche le accuse di calunnia e porto abusivo di armi: ha denunciato successivamente alla rissa di essere stato aggredito e colpito con un coltello mentre le immagini della videosorveglianza del tempio hanno ampiamente dimostrato che era lui ad essere armato di coltello ed aver colpito un connazionale rimanendo ferito accidentalmente alle dita a seguito della sua condotta.

Da una parte i due fratelli di Novellara e l’amico di Casina e dall’altra due connazionali un 25enne (indagato per aver partecipato attivamente alla rissa) e l’amico 27enne di Castelnovo Sotto. Alla base dell’efferata rissa degli sguardi non graditi che hanno visto passare le due opposte fazioni dalle parole ai fatti.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Novellara, grazie all’analisi dei filmati delle telecamere del tempio Sikh, il 27enne di Castelnovo Sotto è stato subito messo ko senza che potesse reagire. Per evitare la coltellata diretta alla faccia aveva posto davanti l’avambraccio rimanendo ferito. La rissa poi esplode con pugni, schiaffi calci e un secondo tentativo di accoltellamento al petto che il 25enne di Novellara (amico del 27enne) riesce a schivare.

Il resto è presto detto: i carabinieri di Novellara hanno avviato le indagini, non solo identificando tutti i partecipanti ma anche ricostruendo nel dettaglio tutte le fasi della rissa, riuscendo ad attribuire agli odierni indagati le precise loro responsabilità. Alla luce dei fatti i 4 venivano denunciati per rissa aggravata alla Procura reggiana. Per il 25enne di Casina anche l’accusa di calunnia e porto abusivo di armi in relazione al possesso del coltello.