Home Cronaca Contrasto alla commissione di reati e rispetto della normativa anti Covid, i...

Contrasto alla commissione di reati e rispetto della normativa anti Covid, i controlli della Polizia di Stato a Reggio Emilia

L’attività e l’impegno della Polizia di Stato, mirate alla prevenzione e al contrasto alla commissione dei reati, di ogni forma di illegalità e disturbo delle persone, nonché per vigilare sul rispetto delle misure di contenimento del contagio, continuano a Reggio Emilia con l’intento di restituire ai cittadini aree urbane colpite da fenomeni di degrado ed aumentare il senso di sicurezza percepito dai cittadini.

Anche la scorsa settimana è stata caratterizzata da specifici servizi di controllo del territorio, come disposto dalle ordinanze emesse dal Questore, che hanno interessato le zone del quadrilatero del centro storico, in particolare via Secchi, via Filippo Re, Via Nobili, via Bell’aria, via Roma e parco del Popolo.

L’attività anticovid è stata contraddistinta dalla presenza capillare delle forze dell’ordine sul territorio, in modo da avvicinarle alla comunità, con piacevole riscontro da parte dei cittadini.

Tali servizi hanno portato all’identificazione di 38 persone e al controllo di 22 veicoli, restituendo tranquillità sociale e un senso di sicurezza nei confronti della collettività.

Oltre i servizi sopracitati, nelle giornate di sabato e domenica, è stato disposto dal questore uno specifico servizio interforze con la Polizia locale e la Guardia di finanza, che ha interessato la zona del centro, e in particolar modo piazza Prampolini, piazza Martiri del 7 Luglio, piazza Fontanesi, piazza Gioberti e piazza del Monte.

L’attività anticovid è stata caratterizzata dall’identificazione di 33 persone e dall’accertamento di 1 sanzione amministrativa pecuniaria per violazione dell’obbligo di utilizzo del dispositivo di protezione individuale.

Oltre a ciò, gli agenti hanno effettuato il controllo di 24 esercizi commerciali riscontrando la violazione della normativa vigente anti-covid di un solo esercizio commerciale e di conseguenza sanzionando tale attività con pena pecuniaria, ai sensi dell’art.4, comma 1, del d.l. 19/2020.