Home Appennino Reggiano Villa Minozzo: risparmio energetico, sicurezza, ricettività e servizi infantili in tema di...

Villa Minozzo: risparmio energetico, sicurezza, ricettività e servizi infantili in tema di opere sul territorio

scorcio-interno-asiloDa oggi anche il sole è a disposizione degli edifici comunali. “Nelle scorse settimane è infatti entrato in funzione – spiega il sindaco Luigi Fiocchi – l’impianto fotovoltaico che dal centro culturale contribuisce a fornire energia elettrica e permette un sostanzioso risparmio sulla ‘bolletta della luce’ alle nostre strutture pubbliche. Il progetto è stato attuato in collaborazione con Iren”.

In tema di opere sul territorio, il primo cittadino villaminozzese segnala inoltre “interventi di arredo urbano a Febbio Rescadore e di messa in sicurezza del ponte sul Fosso degli Arati”. Continua Fiocchi: “Sempre a Rescadore è stata realizzata, col contributo del Parco nazionale, la copertura in legno della struttura ricettiva del campeggio”.

Sulla viabilità, “al di là degli importanti lavori eseguiti grazie al finanziamento di un milione di euro del progetto ‘Seimila campanili’ e sulla strada del monte Penna – rileva poi il sindaco –  sono stati utilizzati altri 70 mila euro per risolvere diversi problemi di dissesto idrogeologico. Sulla sentieristica, da segnalare inoltre i nuovi percorsi che riguardano il bacino delle fonti di Poiano, eseguiti grazie all’ente Parco, su finanziamenti europei. Sono state anche appaltate opere a favore dei cimiteri di Febbio e di Tapignola”.

In merito ai servizi alle famiglie, Luigi Fiocchi informa infine come “l’asilo nido Abete Bianco, riservato ai piccoli dai 12 ai 36 mesi, che ha sede nell’istituto scolastico comprensivo e che è al suo secondo anno di attività, funziona ‘a pieno regime’, con un numero completo di ospiti, così come è attiva la nuova scuola statale dell’infanzia, frequentata da una trentina di bambini, che prosegue l’opera storica della scuola parrocchiale, che ha concluso la sua esperienza la scorsa primavera dopo oltre settant’anni d’impegno educativo”.