Home Appennino Modenese Un ricco Ferragosto con ‘Artinscena’

Un ricco Ferragosto con ‘Artinscena’

Il festival di teatro, musica e danza “Artinscena” prosegue domani, giovedì 15, e venerdì 16 agosto con ben nove appuntamenti. Si comincia alle ore 16.30 di domani, in Piazza del Municipio a Palagano con “Drumming Circle” di Roberto Romagnoli. Si tratta di un’esperienza basata sul cerchio rivolta a tutti i giovani interessati a un approccio diretto e divertente con la musica e il ritmo. Attraverso l’incontro con i tamburi del mondo (messi a disposizione dall’artista) si focalizza e si realizza l’incontro con l’altro, s’instaura un sentimento di fiducia e cooperazione con gli altri, si crea un clima di reciprocità e rispetto che sono alla base del rapporto umano per l’apprendimento reale e consapevole delle esperienze. L’armonia che è in noi fiorisce spontanea nel cerchio del ritmo e ci aiuta a scoprire il piacere di creare insieme e di stare insieme con l’arte più antica che l’uomo conosce e possiede: la musica.

Roberto Romagnoli, laureato in Lettere Moderne all’Università di Bologna, inizia gli studi musicali delle percussioni africane. Si dedica, inoltre, alla costruzione delle percussioni a cornice, di tamburi a fusto e a calice che lo portano a essere oggi uno dei costruttori più originali del settore. Fonda nel 1997 il gruppo “Musica Officinalis”, occupandosi di musica medioevale, etnica e popolare. Dal 2002 viene a far parte della Ass.Cult. “Scuola Interiore” in qualità di insegnante e pedagogista della musica, iniziando le sue prime esperienze come musico-terapeuta. Da questa esperienza nasce il desiderio di elaborare un metodo di pedagogia della musica adatto ai bambini. Nasce così Mr. GU-MA-LE-TI: il metodo tuttora portato nelle scuole in espansione e sviluppo. Ha al suo attivo tre incisioni discografiche sul medioevo e uno sulla musica etnica dei Balcani e del vicino oriente con il suo gruppo Musica Officinalis con concerti e spettacoli in Italia ed all’estero. Attualmente lavora nel territorio veronese insegnando pedagogia della musica e praticando musico-terapia, e formando al contempo il personale insegnante, mentre continua la sua attività di musicista e attore.

In collaborazione con la Locanda del Condottiero, è di scena domani giovedì 15 agosto alle ore 18 il concerto aperitivo “Linea di confine” del Duo Oblivion. Appuntamento al Castello di Montecuccolo di Pavullo con un programma di confine tra il classico e il profano comprendente molti arrangiamenti che hanno reso celebre il Duo e che sono inseriti nell’ultimo disco dei due musicisti uscito nel 2009. Le musiche di grandi autori di generi vicini e lontani come Pujol, Rheinhardt, Bregovic, Mercury, Pink Floyd e Piazzolla sono rivisitati in modo classico da Fabio De Ranieri (chitarra) e Roberto Cecchetti (violino).

Il Duo Oblivion si è costituito nel 1995 quando i due musicisti, diplomati nei Conservatori di stato e già attivi come solisti, hanno unito le proprie esperienze allo scopo di diffondere la musica da camera per violino e chitarra. Insieme hanno poi continuato l’esplorazione delle risorse sonore dei propri strumenti con un’opera attenta di ricerca e trascrizione di brani con particolare attenzione al repertorio del ‘900 e a generi non propriamente classici come il jazz, la musica klezmer, il tango e il crossover. Svolgono una continua attività concertistica in Italia e all’estero collaborando con affermate compagnie teatrali, orchestre sinfoniche, gruppi cameristici e compositori. Dal punto di vista didattico, i due musicisti risultano entrambi docenti dei rispettivi strumenti presso scuole pubbliche a indirizzo musicale; ideatori e direttori artistici di stagioni concertistiche, sono risultati vincitori al concorso internazionale “Simone Salmaso” di Viareggio nel 1997 nella categoria musica da camera.

Foresi-Polacco

Rimanendo a Pavullo, ma in Piazza Borelli alle ore 21, si può assistere domani 15 agosto a “Uffa… sempre la stessa storia”, lo show di cabaret presentato da Gianluca Foresi e Marzia Polacco. Una divertente carrellata di personaggi, in cui a importanti figure storiche del medioevo si alternano uomini comuni della nostra quotidianità. All’interno dello spettacolo vengono inseriti una serie di tipi presi dall’ampio repertorio dei due attori: ad esempio l’istrionico Giullar Cortese, capace di improvvisare in rima e di coinvolgere direttamente il pubblico, rendendolo protagonista, e il suo fido aiutante il Giullare Apprendista, che si lancia in goffi tentativi di imitare il suo maestro. Tutta la serie dei siparietti è basata in larga parte sull’improvvisazione, condita con battute leggere, garbate, dalle quali emergono continui riferimenti alla storia e alla cultura letteraria in genere.

Gianluca Foresi, attore orvietano, dopo aver frequentato il Laboratorio Teatro Orvieto e seguito una serie di stage sull’arte e la tecnica dell’improvvisazione, da più di 10 anni si esibisce all’interno delle maggiori rievocazioni storiche italiane. Ispirandosi alla tradizione medievale ha reinventato il personaggio del giullare in chiave moderna, colui che diverte la folla agli incroci delle strade e allieta gli invitati ai banchetti. Ha partecipato a due edizioni del “Todi Arte Festival”, la prestigiosa rassegna di teatro e arti sceniche diretta da Maurizio Costanzo e ad una serie di fortunate trasmissioni televisive in onda su tutto il circuito nazionale (RideRai, Barbareschi Sciock). Per due stagioni è stato al fianco di Marco Baldini su radio Kiss Kiss. Al percorso cabarettistico si affianca quello teatrale, nelle vesti di autore e regista: da diversi anni tiene infatti corsi e laboratori e recentemente ha esordito con un suo spettacolo teatrale dal titolo “Parole Crociate. Narrazione semiseria di una guerra senza santi”.

duo-metro-fotiAppuntamento da non perdere domani, a Fanano, per gli amanti delle sinfonie classiche composte dai membri della famiglia Strauss che, per quasi un secolo, hanno dominato le scene musicali viennesi. In Piazza Corsini dalle ore 21 va in scena lo spettacolo “Pianoforte a 4 mani” del Duo Metro Foti che ci accompagna in un viaggio musicale lungo il corso leggendario del Danubio. Brani di musica classica noti al grande pubblico come Il Bel Danubio Blu, il Valzer dell’Imperatore o la Marcia di Radetzky, trascritti in maniera inedita da Roberto Metro che li esegue assieme a Elvira Foti, trasferiscono i passi veloci di valzer e polka sulla tastiera del pianoforte, creando un’esecuzione assolutamente originale.

Roberto Metro si è diplomato nel Conservatorio di Messina e fin da giovanissimo ha vinto diversi primi premi in concorsi pianistici nazionali e internazionali. Nella sua carriera ha tenuto oltre 600 concerti nei più importanti e prestigiosi teatri del mondo. In qualità di solista, ha collaborato con rinomate orchestre, fra le quali l’Orchestra d’Archi del Teatro alla Scala di Milano, la Wiener Mozart Orchester, l’Orchestra Sinfonica della Radiotelevisione slovena. Docente di ruolo nei Conservatori italiani di Musica, ha tenuto vari master class al prestigioso Yong Siew Toh Conservatory of Music di Singapore.

Elvira Foti ha intrapreso da giovanissima lo studio del pianoforte, dimostrando un grande talento musicale, tanto da esibirsi in pubblico già all’età di sette anni. Ha conseguito il diploma di pianoforte con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore presso il conservatorio di Messina. Si è perfezionata all’Accademia Musicale Pescarese ed ha frequentato un corso di analisi e d’interpretazione musicale sui concerti per strumento solista e orchestra. Vincitrice di diversi premi in concorsi pianistici nazionali, ha tenuto circa 300 concerti in tutta Italia ed all’estero. Titolare di cattedra di Educazione Musicale, svolge anche attività di musicologa e di critico musicale.

MonteseIn Piazza IV Novembre a Montese, arriva il concerto di musica, parole e immagini “Omaggio alle dive del cinema italiano”, in programma sempre domani giovedì 15 agosto. A partire dalle ore 21, la splendida voce di Nicoletta Fabbri accompagnata dal flauto di Matteo Salerno, dalla chitarra di Egidio Collini e dal contrabbasso di Fabio Gaddoni, guiderà lo spettatore in un percorso che porterà dagli trenta ai giorni nostri. Un itinerario che, dalla spensierata epoca dei telefoni bianchi in cui muove i primi passi il grande Vittorio De Sica, porterà a riascoltare le note e i divertentissimi dialoghi dei film del genere “musicarello” come Totò e la Malafemmena. Lo spettatore avrà la possibilità di riascoltare le opere di alcuni dei più grandi compositori del nostro paese conosciuti in tutto il mondo e premiati con le più prestigiose onorificenze come i Premi Oscar e i Grammy Awards. Una parte importante dello spettacolo è dedicata alle musiche che Nino Rota scrisse per i capolavori di Federico Fellini e Luchino Visconti tra cui Otto e Mezzo e il Gattopardo.

Le musiche sono eseguite e rielaborate dal Quartetto K, una formazione attiva da oltre dieci anni che collabora spesso con attori per specifici progetti; tra le ultime esibizioni ricordiamo quella al fianco di Gene Gnocchi in occasione della Notte d’Oro presso il Teatro Dante Alighieri di Ravenna.

Grande attesa poi per l’appuntamento, sempre domani giovedì 15 agosto al Teatro all’aperto di Lama Mocogno con Enrico Beruschi, che si esibisce a partire dalle ore 21 con lo spettacolo “Purgatorio… Inferno… Ma il paradiso???”, accompagnato al violino da Alessandro Buccini e all’arpa da Eleonora Perolini.

Il primo evento di venerdì 16 agosto è in programma al Teatro di Villa Barattini a Zocca dove torna a esibirsi alle ore 21 il Duo Metro Foti con lo spettacolo “Omaggio alla Famiglia Strauss”. Le trascrizioni inedite di Roberto Metro, uniche autorizzate dalla famiglia Strauss, trasferiscono i passi veloci di valzer e polka sulla tastiera del pianoforte suonato a quattro mani con Elvira Foti. Brani di musica classica scritti per sonorità orchestrali e noti al grande pubblico come Il bel Danubio blu, il Valzer dell’Imperatore o la Marcia di Radetzky.

Atmosfere ricche di bellezza melodica e pregevole musicalità sono protagoniste a Pavullo venerdì 16 agosto con “Alessia Martegiani & Maurizio Di Fulvio Trio”. Il concerto, a partire dalle ore 21 in Piazza Borelli, è pervaso da un ricercato senso dell’estetica musicale ed enfatizzato da effetti strumentali e particolari trovate ritmiche. Alessia Martegiani (voce), Maurizio Di Fulvio (chitarra), Ivano Sabatini (contrabbasso) e Walter Caratelli (percussioni) eseguono per il pubblico musiche provenienti dai repertori di Astor Piazzolla, Stevie Wonder e Consuelo Velazquez.

Alessia Martegiani ha studiato a lungo la musica contemporanea e in particolare i ritmi e le sonorità della musica brasiliana, perfezionando la conoscenza del repertorio bossa-nova e samba-cançao e divenendo presto una delle voci italiane più richieste e apprezzate a livello internazionale. Si è laureata all’Università DAMS di Bologna, ha effettuato tournèe in Brasile, collaborando con importanti musicisti latino-americani e facendo esperienze live e in studio. Da diversi anni presenta un progetto ideato e diretto da Maurizio Di Fulvio inizialmente interamente dedicato alle musiche di Antonio Carlos Jobim e da alcuni anni allargato ai diversi generi.

Maurizio Di Fulvio si è formato artisticamente con musicisti quali J. Bream, A. Carlevaro, J. Scofield, P. Metheny e ha ottenuto i primi premi in concorsi internazionali. Svolge una brillante carriera concertistica, in qualità di solista e con formazioni varie, suonando nei festival più prestigiosi a fianco dei più autorevoli chitarristi e musicisti contemporanei e ottenendo lodevoli testimonianze del pubblico. È stato docente di chitarra nei Conservatori italiani di Foggia, Verona, Modena e Padova, è membro di giuria di vari concorsi di chitarra e tiene corsi di perfezionamento e masterclasses nelle Università e nelle Istituzioni musicali di diversi paesi sulla letteratura chitarristica tradizionale e sull’impiego della chitarra classica nel jazz.

Ivano Sabatini, contrabbassista esperto e dalla solida preparazione, passa da accompagnatore a voce solista, creando atmosfere ricche di bellezza melodica e pregevole musicalità.

Walter Caratelli, batterista/percussionista, che, con equilibrato senso dell’estetica musicale, sottolinea ogni momento dell’esecuzione con effetti strumentali e particolari trovate ritmiche.

Per l’ultimo evento in calendario venerdì 16 agosto, la compagnia Scenica Frammenti ripropone una nuova versione di Romeo e Giulietta. Appuntamento in Piazza Corsini a Fanano alle ore 21 per la parodia musicale “R&G, la lacrimosa storia di Romeo e Giulietta”. I due giovani protagonisti dell’opera shakespeariana sono l’emblema di amore e odio, vita o non vita, leggerezza e pesantezza di una passione che come piuma di piombo cade sulla testa di chi vuol interrompere le lotte di due parti stupidamente avverse. Così ieri, come oggi. Allora ecco la lacrimosa storia che percorre un tempo senza tempo da quei versi shakespeariani a quelli dei nostri tempi, di un novecento di stornelli, canzoni e canzonette, di cinema e cartoons, fiabe e telegiornali, promiscuità artistiche e manie.

Scenica Frammenti nasce nel 1998, a opera di Loris Seghizzi, da una Compagnia Teatrale a carattere familiare attiva dagli inizi del Novecento e che opera in un percorso di continua crescita basato sulla produzione di spettacoli, l’organizzazione di eventi, la formazione (intesa sia come formazione teatrale che come formazione di un nuovo pubblico) e la realizzazione di iniziative per il sociale. Sede stabile della Compagnia è Lari, uno splendido borgo medievale delle colline in provincia di Pisa abbarbicato intorno ad un bellissimo castello. Un ambiente naturale e caratteristiche architettoniche perfette per la sede di un centro artistico. L’attività di Scenica Frammenti sul territorio si distingue in alcuni grandi ambiti d’intervento che vertono intorno ai due temi della memoria e della contaminazione tra le arti dello spettacolo.

***

“Artinscena”, organizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Modena torna sabato 17 agosto con la rievocazione storica che si svolge fino a domenica 18 nel centro storico di Fiumalbo, il concerto “Tre per uno” a Lama Mocogno e i numerosi appuntamenti del Festival degli artisti di strada “Fantasticheria” in programma a Sestola.