Home Appennino Modenese Un accordo Policlinico-Consorzio del Cimone favorirà la pratica degli sport invernali da...

Un accordo Policlinico-Consorzio del Cimone favorirà la pratica degli sport invernali da parte di persone operate presso il Centro trapianti

presentazione“Credo che fosse impossibile immaginare che potesse esserci un testimonial più adatto di Mauro Righini per presentare ufficialmente l’accordo con il Consorzio del Cimone che ha l’obiettivo di favorire la pratica degli sport invernali da parte di persone operate presso il nostro Centro Trapianti. Il suo contagioso entusiasmo, la sua passione per lo sport e la determinazione che lo hanno portato ad aggiudicarsi la medaglia d’oro ai campionati mondiali di sci, dopo essere stato sottoposto ad un trapianto di fegato, ci restituiscono molti messaggi postivi che è importante condividere e divulgare.” Sono le parole del direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Licia Petropulacos che questa mattina, in un clima informale, affiancata dal presidente del Consorzio Cimone, Giuliano Grani, ha spiegato l’importanza della convenzione con l’ente che gestisce gli impianti sciistici del Comprensorio del Cimone.

Dietro alla possibilità di potere praticare uno sport affascinante come lo sci, fruendo di offerte costruite su misura per quanti hanno affrontato la complessa prova di un trapianto, c’è la forte volontà di sottolineare come l’attività fisica, svolta in modo corretto e all’interno di un programma di recupero, porti significativi benefici ai pazienti.

Secondo i risultati raccolti attraverso “Trapianto… e adesso sport”, un progetto sperimentale rivolto alle persone sottoposte a trapianto di fegato, cuore e rene, finanziato dal Centro Nazionale Trapianti in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, il Centro Studi Isokinetic, l’Università di Bologna e la Fondazione per l’incremento dei trapianti d’organo e tessuti (FITOT) e attivo a Modena dal 2010 grazie alla sinergia tra il Centro Trapianti dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena e la Medicina dello Sport dell’Azienda Usl, risulta evidente che per i trapiantati praticare uno sport rappresenta un aiuto concreto per prevenire disfunzioni metaboliche come il diabete o l’arteriosclerosi che spesso possono insorgere a seguito dell’assunzione dei farmaci immuno-soppressori utilizzati per evitare il rigetto del nuovo organo.

Risultati che vedendo il sorriso e l’energia di Mauro Righini, vero ospite d’onore di oggi, evidentemente si ripercuotono anche sul benessere psicologico consentendo al paziente di tornare ad una vita pressoché normale. Giuliano Grani, presidente del Consorzio del Cimone, che da subito con entusiasmo ha sostenuto l’idea di sviluppare un accordo in questo ambito con il Policlinico ha prima di tutto voluto ringraziare il direttore dell’azienda Licia Petropulacos: “E’ grazie alla sua sensibilità che siamo riusciti a dare vita a questo progetto così importante. Un esempio concreto di come lo sport sia  fondamentale per una migliore qualità della vita. I suoi benefici – ha evidenziato Grani – non si limitano infatti alla prevenzione sanitaria, ma vanno a toccare anche gli ambiti della formazione e della socializzazione. Tutti fattori ai quali siamo orgogliosi di poter dare un contributo tramite la promozione della pratica sportiva sulle nostre piste. Il progetto prende il via oggi con l’omaggio di uno skipass stagionale a Mauro Righini, proseguirà poi con un’offerta specifica, in via di definizione, rivolta ai pazienti del Centro Trapianti del Policlinico di Modena”.

 

Alla presentazione di questa mattina erano inoltre presenti anche il professor Fabrizio Di Benedetto che dall’agosto del 2013 guida la Struttura Semplice Dipartimentale di Chirurgia Oncologica Epatobiliopancreatica e dei Trapianti di Fegato e il dottor Nicola Cautero che sin dall’inizio ha seguito Mauro Righini.

Il Centro Trapianti del Policlinico dall’inizio del 2014 ad oggi ha eseguito 39 trapianti di fegato (lo scorso anno erano stati 41); ha inoltre eseguito 70 resezioni epatiche e 50 resezioni pancreatiche. Unico in Emilia-Romagna, il Centro, da giugno per le resezioni epatiche e pancreatiche utilizza un’attrezzatura robotica.

PLupoPanV

IL CONSORZIO DEL CIMONE

Il Consorzio del Cimone è gestore degli impianti sciistici del Comprensorio del Cimone, il più ampio complesso sciistico dell’Appennino Tosco-Emiliano con oltre 50 km di piste collegate tra loro, 35 km di neve programmata, 21 impianti di risalita e 4 punti di accesso con un unico skipass. Questi i numeri del Comprensorio dell’anno corrente: 16.700 posti letto e 1.000 addetti nelle strutture ricettive, 134.300 skipass venduti ad ora, turisti provenienti da tutta Italia, dal Belgio, dall’Inghilterra, dall’est Europa, e non solo, con una media di 7/10 giornate trascorse sugli sci per ogni stagione.  Lungo i tre versanti della montagna si snodano tracciati adatti a tutti: lunghi e larghi, con pendii impegnativi e oltre 600 metri di dislivello per gli sciatori esperti o piste più corte e facili per chi ama lo sci in pieno relax. Inoltre per i più piccoli 2 babypark e per i rider 1 snowpark  tra i più attrezzati d’Italia.