Home Appennino Bolognese Turismo e ambiente, da giugno in cammino con l’Alta Via dei...

Turismo e ambiente, da giugno in cammino con l’Alta Via dei Parchi

Oltre 500 chilometri di sentieri attraverso otto diversi Parchi tra Emilia-Romagna, Toscana e Marche, in un ambiente di straordinario interesse naturalistico e storico: tra torrenti incontaminati, falesie di gesso, praterie d’alta quota, faggeti e castagneti, ma anche antichi borghi e pievi romaniche. E’ l’Alta Via dei Parchi, un’iniziativa finanziata dalla Regione Emilia-Romagna e unica nel suo genere proprio perché collega in un solo percorso tutto l’Appennino settentrionale da Berceto in provincia di Parma fino all’Eremo sul Monte Carpegna in provincia di Pesaro e Urbino.
“Si tratta di un grande itinerario – dichiara l’assessore regionale all’Ambiente e alla Riqualificazione urbana Sabrina Freda – lontano e diverso dalle più rinomate alte vie alpine, ma ugualmente suggestivo e ricco di stimoli. Un’occasione appropriata per la scoperta di un tesoro escursionistico ancora poco conosciuto e frequentato come l’Alta Via dei Parchi, di cui vogliamo valorizzare i tanti aspetti che lo rendono un itinerario unico, in cui crinali, praterie, laghi e foreste si confondono senza soluzione di continuità”.
Da giugno a settembre l’Alta Via dei Parchi si animerà grazie a un ricco programma di escursioni  ma anche concerti, spettacoli, degustazioni di prodotti tipici, settimane verdi per i più giovani, conferenze e laboratori. Con un testimone d’eccezione come il giornalista e scrittore Enrico Brizzi, che racconterà il suo personale itinerario in un documentario.

La grande estate dell’Alta Via dei Parchi comincia l’1 e il 2 giugno dal Parco regionale della Vena del Gesso Romagnola per terminare l’8 settembre nel Parco delle Foreste Casentinesi. Durante i mesi estivi ogni week end offrirà a esperti e non la possibilità  di costruirsi il proprio percorso su misura, scegliendo tra  27 tappe diverse; numerose possibilità di soggiorno in alberghi, rifugi e ostelli; otto carte acquistabili in cofanetto o anche separatamente, un sito web ricco di informazioni pratiche, comprese le tracce GPS dell’itinerario e pacchetti turistici.
L’Alta Via dei Parchi collega otto parchi appenninici: dal Parco nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano fino al Parco interregionale di Sasso Simone e Simoncello, passando attraverso i Parchi regionali delle Valli del Cedra e del Parma, dell’Alto Appennino modenese, del Corno alle Scale, dei Laghi di Suviana e Brasimone, della Vena del Gesso, al Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Dieci le province interessate: Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, Lucca, Massa-Carrara e Pesaro Urbino.

Il viaggio di Enrico Brizzi
Dopo i percorsi sulle orme degli antichi pellegrini tra Canterbury, Roma e Gerusalemme, Enrico Brizzi torna nella duplice veste di viandante e narratore per percorrere l’Alta Via dei Parchi. Partito in questi giorni dal Passo della Cisa in provincia di Parma, nel Parco nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, l’autore di “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” nel corso dell’estate porterà a termine l’intero itinerario fino al parco interregionale di Sasso Simone e Simoncello tra Emilia-Romagna e Marche. Sarà un viaggio nella natura, tra panorami di straordinaria varietà e ricchezza, ma anche nella storia tra eremi medioevali e testimonianze della seconda Guerra mondiale. Un viaggio in solitaria, ma anche ricco di incontri inaspettati nel cuore dell’Emilia-Romagna e dell’Italia che verrà raccontato in un documentario in uscita nel mese di ottobre.

Per informazioni:
Servizio parchi e Risorse Forestali Regione Emilia-Romagna: 051-5276080, segrprn@regione.emilia-romagna.it
http://ambiente.regione.emilia-romagna.it/parchi-natura2000/altavia