Home Appennino Reggiano Terremoto in Appennino, sopralluogo di On. Zanicchi e Cons. Filippi con troupe...

Terremoto in Appennino, sopralluogo di On. Zanicchi e Cons. Filippi con troupe di Rete 4

L’Europarlamentare Iva Zanicchi e il Consigliere regionale Fabio Filippi, con al seguito una troupe di Rete 4, hanno, in mattinata, effettuato un sopraluogo nelle aree terremotate dell’Appennino tosco-emiliano. I due esponenti del Pdl hanno prima incontrato le famiglie della palazzina sgombrata in via Fontanaguiddia a Castelnovo ne’ Monti, per poi dirigersi a Busana per verificare la situazione della locale casa di riposo: dieci anziani ospiti della struttura sono stati evacuati sabato scorso dopo che gli ingegneri del gruppo tecnico di valutazione ne hanno dichiarato l’inagibilità. I controlli sulla edificio parrocchiale hanno evidenziato una situazione critica anche per l’adiacente chiesa di San Venanzio. Il sopraluogo è proseguito verso Cinque Cerri, per verificare la situazione della chiesa della frazione, e Vaglie di Ligonchio, zona particolarmente colpita dal sisma e in cui ha subito il crollo un’abitazione di proprietà della zia della stessa Zanicchi, anche la chiesa del capoluogo è stata chiusa per le lesioni subite. Zanicchi e Filippi hanno infine visitato le aree dell’epicentro, i comuni di Fivizzano e Casola in Lunigiana.

“E’ stata coinvolta una rete televisiva nazionale – ha dichiarato Filippi – per sensibilizzare la cittadinanza sullo stato delle aree colpite dal terremoto. La situazione non è da sottovalutare, il terremoto di magnitudo 5.2 e le successive scosse di assestamento hanno provocato lesioni in diversi fabbricati privati ed edifici pubblici, danni sono stati registrati i vaste aree dell’Appennino Tosco-Emiliano.

E’ fondamentale favorire, in tempi rapidi, la messa in sicurezza degli edifici lesionati, non lasciamo sole le famiglie colpite dal sisma.

Le istituzioni, in primis Regione Emilia-Romagna e Regione Toscana, devono attivarsi celermente per consentire alle famiglie di rientrare nelle proprie abitazioni e per dare la possibilità alle attività produttive di riprendere il lavoro.”