Home Appennino Bolognese Soul Food Street: il cibo di strada della montagna bolognese incontra la...

Soul Food Street: il cibo di strada della montagna bolognese incontra la black music.

Soul-Food-Street-2013

Il cibo dell’anima incontra la musica dell’anima a Porretta Terme, in occasione del Porretta Soul Festival. 
Anche quest’anno le note di Rufus Thomas e di Otis Redding  e della migliore ”black music” accompagneranno per il sesto anno consecutivo il Soul Food Street, la rassegna enogastronomica che invaderà la centralissima Piazza Libertà, proponendo attraverso un ricco programma di assaggi e degustazioni il meglio del cibo di strada tipico dell’Appennino emiliano e dell’Alto Reno bolognese: panzanelle montanare, formaggi, tigelle, borlenghi, ma anche capriolo e cinghiale, accompagnati dai grandi vini dei Colli bolognesi e dalla birra a chilometro zero di alcuni birrifici artigianali della zona.
Il tutto “condito” dalle note delle migliori band italiane e bolognesi, selezionate per esibirsi sul palco del “Rufus Thomas Cafè Stage” di Piazza Libertà (ingresso gratuito – il programma completo su www.porrettasoul.it ).
“Ottima musica e ottimo cibo – spiega l’assessore regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni – all’insegna di tradizioni autenticamente popolari: quella della black music e quella del cibo povero, ma di grande qualità delle nostre montagne”.
L’appuntamento è dalle 10 alle 22 di venerdì 19, sabato 20  e domenica 21 luglio con assaggi e degustazioni offerte dai produttori della zona. L’iniziativa è  promossa dalla Strada dei Vini e dei Sapori dell’Appennino bolognese con il patrocinio del Comune di Porretta Terme e sostenuta dall’Assessorato regionale all’agricoltura. 

I tre itinerari del gusto 
Ai visitatori verranno proposti tre diversi itinerari del gusto. Si può partire dall’itinerario dei “Prodotti di Montagna” dove verranno interpretate, attraverso preparazioni specifiche di cibo di strada, le tre diverse filiere di prodotto più importanti dell’Appennino Bolognese: i formaggi (Parmigiano-Reggiano in primis), i cereali (crescentine, borlenghi, tigelle e il piatto di crinale la “Panzanella montanara”) e le carni (bocconcini di cinghiale e capriolo).
Non manca anche un itinerario dedicato agli amanti della “Birra Artigianale” dove si potranno degustare, accompagnati da guide esperte, i prodotti di quattro microbirrifici tosco-emiliani, oppure si potrà scegliere, per gli amanti dell’enologia, l’itinerario “Vini dei Colli Bolognesi” con un’accurata selezione di vini DOP e IGP bolognesi.
Tra le novità di quest’anno la presenza di uno speciale palcoscenico “vintage” che ospiterà strumenti musicali d’epoca in Via Terme.