Home Appennino Reggiano Sisma. Scossa giugno 2013, Filippi (Pdl) interroga su stanziamenti per lavori di...

Sisma. Scossa giugno 2013, Filippi (Pdl) interroga su stanziamenti per lavori di ripristino edifici nell’Appennino reggiano e modenese

Fabio Filippi (Pdl) ha presentato una interpellanza alla Giunta per chiedere quale sia lo stato dei lavori e quali i finanziamenti regionali erogati nei comuni dell’appennino reggiano e modenese colpiti dal sisma il 21 giugno 2013. Il consigliere chiede se relativamente all’edificio privato in comune di Castelnovo ne’ Monti, in via Fontanaguidia, come dichiarato dall’assessore “di complessa ristrutturazione”, il Comune abbia richiesto alla Regione un contributo per la messa in sicurezza della struttura e se sia stata prevista la sistemazione dei residenti in alloggi provvisori; e se la Regione abbia stabilito l’entità del suddetto contributo e la previsione dell’avvio dei lavori.

Relativamente all’edificio in Comune di Busana costituito dalla casa di carità “Padre Pio” e dalla Chiesa di San Venanzio, Filippi chiede di conoscere lo stato dei lavori di ripristino e i tempi previsti per la riattivazione della struttura.

Per quanto riguarda la situazione della Chiesa di Santa Teresa a Selvapiana di Canossa, della Chiesa di Santa Maria Assunta in località Nigone di Ramiseto e degli 8 edifici privati nei comuni di Busana (1), Castelnovo ne’ Monti (4), Collagna (1), Ramiseto (1) e Vetto (1), il consigliere chiede alla Regione di sapere se i fondi pubblici, e in particolare di derivazione regionale, sono stati stanziati; anche per quanto riguarda la situazione degli edifici temporaneamente o parzialmente inagibili (agibilità B e C). Filippi, infine, chiede se la Regione si sia attivata per ottenere la dichiarazione dello stato di emergenza da terremoto per i territori dell’Appennino reggiano colpiti dal sisma del giugno 2013, ovvero per consentire l’applicazione di tutte le agevolazioni possibili a favore dei privati relativamente alla messa in sicurezza degli edifici danneggiati e se si siano conclusi i sopralluoghi e le verifiche basati sulle richieste pervenute dal territorio.