Home Appennino Modenese “Sapori e musica” a Guiglia: escursioni, visite guidate e grande cena ecologica

“Sapori e musica” a Guiglia: escursioni, visite guidate e grande cena ecologica

Sassi-RoccamalatinaUna grande tavolata in centro storico con prodotti tipici “a chilometro zero”, stoviglie in ceramica e produzione di rifiuti ridotta al minimo. Sono le caratteristiche della “ecofesta” che chiuderà, lunedì 1 luglio, i quattro giorni di “Sapori e musica” a Guiglia. L’iniziativa, promossa dal Comune di Guiglia in collaborazione con Promappennino e con il patrocinio della Provincia di Modena, da venerdì 28 giugno offre a visitatori e turisti l’occasione per scoprire e gustare i prodotti tipici del territorio con visite guidate, gratuite, al cantina locale, al caseificio e al prosciuttificio, pranzi e cene a prezzo convenzionato nei ristoranti e negli agriturismi della zona che propongono il “percorso del borlengo”, escursioni al Parco dei Sassi di Roccamalatina, alla pieve di Trebbio e al Museo del castagno e del borlengo, animazioni per i bambini (per informazioni e prenotazioni: tel 059 986524) e, appunto, la grande cena conclusiva in piazza. «Una proposta di turismo a impatto leggero – commenta Mario Galli, vicepresidente della Provincia di Modena – che unisce e valorizza tutte le ricchezze, naturalistiche ed enogastronomiche, e le risorse di un territorio bello come quello di Guiglia».

«È una prima edizione – spiega il sindaco Monica Amici – per offrire a chi volesse venire a Guiglia l’occasione di conoscere da vicino i nostri prodotti e insieme il territorio che li caratterizza e, allo stesso tempo, per valorizzare la certificazione ecologica del nostro Comune». Il Comune di Guiglia aderisce infatti alla certificazione “Emas”, uno strumento volontario proposto dall’Unione europea e rivolto alle organizzazioni, anche pubbliche, che in questo modo possono valutare e migliorare la propria prestazione ambientale e fornire al pubblico informazioni su una corretta gestione ambientale. È su questa base che nasce la cena di lunedì 1 luglio (costo 20 euro, prenotazione obbligatoria al numero 059 709951) che propone solo prodotti del territorio cucinati dai ristoratori locali, senza stoviglie “a perdere” in plastica ma solo vetro e ceramica che possono essere riutilizzati, “acqua del sindaco”, cioè presa dal rubinetto, in tavola, bottiglie del vino “a rendere” per ridurre la produzione dei rifiuti, ci saranno quindi solo quelli organici che saranno raccolti nei tanti punti previsti.