Home Cronaca Reggio Emilia, razzia di alcolici per oltre 1000 euro all’Ipercoop dell’Ariosto: due...

Reggio Emilia, razzia di alcolici per oltre 1000 euro all’Ipercoop dell’Ariosto: due arresti

Ieri pomeriggio operatori della Polizia di Stato sono intervenuti presso l’Ipercoop sito all’interno del centro commerciale Ariosto, per la segnalazione di tre persone intente ad occultare bottiglie di alcolici.  Personale addetto alla vigilanza interna dell’ipermercato aveva infatti fermato due delle persone coinvolte che avevano appena oltrepassato la barriera delle casse, rinvenendo la merce asportata pochi istanti prima dagli espositori del reparto bevande e liquori, mentre una terza persona era riuscita a dileguarsi. Il personale della Polizia provvedeva ad identificare le due persone sorprese con merce non pagata, constatando la presenza di un carrello della spesa con numerose bottiglie di champagne e di whiskey.

Gli autori del furto, tali N.A.M., nata in Romania nel 1996 e S. I. A., pure lui nato in Romani nel 1989. Gli agenti procedevano alla perquisizione personale accertando che gli stessi calzavano sotto i loro indumenti un costume da bagno intero da donna opportunamente artefatto con un foro praticato sul dorso dell’articolo. Tale artifizio, calzando il costume al contrario, permetteva di avere il foro all’altezza del ventre, permettendone l’utilizzo per occultare merce, semplicemente alzando la maglietta indossata ed infilando la refurtiva all’interno del costume.

Dall’esame della videosorveglianza interna gli agenti riconoscevano i due autori del furto che assieme ad un terzo componente riuscito a dileguarsi avevano messo in piedi una vera e propria organizzazione per sottrarre alla vista degli addetti ai controlli la merce.

Da un controllo effettuato sui prodotti prelevati, si è accertato che i malfattori si erano impossessati di  costose bottiglie per un importo complessivo totale di oltre 1.000 euro. La merce,  non più vendibile per la rottura delle confezioni, veniva comunque consegnata al direttore del negozio

I cittadini romeni venivano dichiarati in stato di arresto per furto aggravato e posti a disposizione dell’Autorità.