Home Cronaca Reggio Emilia: gli esiti della recente operazione “Setaccio”

Reggio Emilia: gli esiti della recente operazione “Setaccio”

A seguito delle determinazioni assunte dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, il Questore di Reggio Emilia ha continuato le intensificazioni dei controlli alle ex Reggiane, nonchè in tutte le altre aree cittadine dove negli ultimi tempi si sono verificate situazioni di criticità segnalate dai cittadini, consentendo di acquisire una importante mappatura delle presenze di cittadini stranieri e delle situazioni anomale.

Tutti gli uffici della Questura sono stati attivati su questo fronte, ognuno per le risopettive competenze. Hanno concorso i militari del Comando Carabinieri e Comando Guardia di Finanza di Reggio Emilia, oltre al Comando della Polizia municipale, anch’essa con pattuglie dipendenti e unità cinofila antidroga.

Martedì 14 luglio sono stati disposti mirati servizi presso la stazione storica, via Turri, via Paradisi, via Sani e aree adiacenti dove solitamente si registra la presenza di stranieri dediti ad attività illecite.

Nella serata mercoledì 15 luglio analogo servizi è stato svolto nel piazzale Europa, mentre ulteriore attività di prevenzione furti è stata posta in essere nelle zone di Mancasale, e nella zona di Cella per servizio anti prostituzione.

Giovedì 16 luglio l’attività di prevenzione è stata attuata nei principali parchi cittadini e presso i centri commerciali.

Nella giornata odierna sono in atto mirati servizi di controllo del territorio, in concorso con la Polizia municipale, al fine di monitorare la movida cittadina e garantire il rispetto delle norme anti Covid.

I servizi a largo raggio finora attuati hanno prodotto i seguenti risultati:

  • D.D., residente in città, classe ’87 raggiunto da una condanna di reclusione di 8 anni per il reato di spaccio di sostanze stupefacente di cui all’art. 73 dpr 309/1990; accompaganto al carcere “la Pulce”;
  • esecuzione di provvedimento di revoca del decreto di sospensione di ordine di esecuzione per la carcerazione e di ripristino dell’ordine medesimo di I.C. (Romania, classe ’88), in quando condannato per reati contro il patrimonio e la persona (furto a  in esercizio commerciale a Reggio Emilia) e rintracciato in questa via Timavo. Accompagnato alla “la Pulce” a disposizione dell’Autorità per scontare mesi 7 di reclusione;
  • revoca dell’ammissione provvisoria alla detenzione domiciliare emessa dal magistrato di sorveglianza di firenze nei confronti di B.P. (Albania, classe’ 71); rintracciato in via Eritrea e accompagnato al carcere “ la Pulce” per scontare mesi 8 di reclusione per reati contro la persona;
  • all’applicazione della misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di P.E. (Nigeria, classe ’80) sottoposto agli arresti domiciliari dalla squadra mobile di Reggio in viale Ramazzini per reati di spaccio di sostanza stupefacente tipo cocaina eroina ed altro.
  • all’arresto di P.S. (Nigeria, classe’93) poichè ritenuto responsabile della violazione p. e p. dall’artt. 73 del .p.r. 309/90, per aver detenuto oltre la modica quantità di sostanza stupefacente tipo eroina, cocaina ed altro. Rintracciato dagli uomini della squadra mobile in via Turri.

Complessivamente sono state controllate 1704 persone e fermate 47 autovetture. Controllati 7 appartamenti e 4 cantine di via Turri.