Home Appennino Modenese Per “Artinscena”, mercoledì a Fiumalbo, David Riondino in Don Chisciotte

Per “Artinscena”, mercoledì a Fiumalbo, David Riondino in Don Chisciotte

donchisciotte_fiumalbo“Artinscena”, il festival di musica, teatro e danza prosegue con un appuntamento imperdibile: mercoledì 21 agosto, a partire dalle ore 21, David Riondino emozionerà il pubblico dell’Anfiteatro di Fiumalbo con lo spettacolo “David Riondino in Don Chisciotte”, accompagnato alla chitarra dal Maestro Andrea Candeli. Cavalli e cavalieri, dame e amori, saranno al centro delle svariate soluzioni narrative proposte dalla voce dell’attore toscano che, grazie alla sua sottile capacità di passare dal comico al tragico, saprà divertire il pubblico in modo originale. La figura mitica di Don Chisciotte, cavaliere errante che si mette in viaggio, come gli eroi dei romanzi, per difendere i deboli e riparare i torti vive in un suo mondo ideale di sogno, di illusioni, dal quale non si distacca. Esprime il rapporto tra illusione e realtà, incarnando un disperato bisogno d’evasione ed è proprio per evadere dalla realtà che il gentiluomo, ispirandosi agli antichi personaggi del mondo cavalleresco, decide di farsi cavaliere. Così armato ed equipaggiato, spinto da un animo puro e sostenuto da una sfrenata fantasia, Don Chisciotte si spinge nelle più disparate avventure, perseguendo ideali di giustizia, verità e amore, proprio come un antico cavaliere.
Queste le corde sulle quali l’istrionico Riondino rileggerà in chiave contemporanea uno dei personaggi della letteratura cavalleresca più conosciuti e amati dal vasto pubblico.

David Riondino, classe 1952, nasce con la generazione dei cantautori degli anni Settanta componendo canzoni abbastanza conosciute. Sempre negli anni Settanta debutta al teatro Zelig di Milano e comincia un percorso professionale che lo porta ad esplorare quasi tutte le forme di comunicazione: teatro, cinema, televisione e radio. Negli anni successivi alterna la presenza in televisione alla composizione di musiche e canzoni e comincia alcune collaborazioni con il mondo del cinema (Kamikazen 1987 con Paolo Rossi, Cavalli si nasce, 1989). Seguono anni di intenso lavoro che lo vedono spesso presente in televisione (Maurizio Costanzo Show, 2000-2001; Quelli che il Calcio, 2002; Velisti per caso, 2003; Bulldozer, 2003; Una poltrona per due, 2005). Gli ultimi spettacoli realizzati da Riondino rappresentano sempre di più la scelta di un teatro all’insegna della commistione di generi fra poesia, satira, testi classici più o meno noti e musica dal vivo (il Trombettiere di Custer, con Antonio Catania Enrico Rava e Stefano Bollani, l’Inferno prodotto da Magazzini con Sandro Lombardi, La buona novella di Fabrizio De Andrè, o ancora Il poema di Garibaldi dall’autobiografia in versi di Giuseppe Garibaldi). Dal 2000 è consulente artistico del Teatro degli Illuminati di Città di Castello; dal 1997 è Direttore Artistico della rassegna estiva Il Giardino della Poesia a San Mauro Pascoli, dal 1999 al 2006 è stato il Direttore Artistico della manifestazione Festival del Mare in varie località della riviera romagnola, dal 2003 è direttore artistico del Teatro all’improvviso presso il Teatro delle Rocce di Zavorrano.

Andrea Candeli, chitarrista modenese, comincia a suonare a sette anni e si diploma presso l’Istituto Musicale Pareggiato “O. Vecchi” di Modena nel 1993. E’ stato premiato come solista in numerosi concorsi nazionali e internazionali, tra i quali il Concorso “Riviera dei Fiori” ad Alassio (primo assoluto), il Concorso “Pasquale Taraffo” a Genova (primo assoluto), il Concorso “Giovani Musicisti Gargano 92”. É l’ideatore di un nuovo metodo d’insegnamento della chitarra. Ha fondato la scuola di musica “Accademia Musicale del Frignano” di Pavullo con la quale promuove i gruppi emergenti. É direttore artistico di numerose rassegne concertistiche e di due festival chitarristici. Insegna chitarra presso il Liceo Musicale di Vignola. Svolge un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero, come solista e in diverse formazioni cameristiche.

“Artinscena”, organizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Modena, mercoledì 21 agosto propone anche la prima serata dell’undicesima edizione di Arcipelaghi Sonori, festival internazionale di musica etnica, in programma il 21 e 22 agosto alle ore 21.30 al Parco di Villa Boschetti a San Cesario sul Panaro.