Home Appennino Reggiano Nuda per il castello di Canossa, soccorsa dai Carabinieri che denunciano il...

Nuda per il castello di Canossa, soccorsa dai Carabinieri che denunciano il fratello

carabinieri-parcoAccompagnato dalla sorella è giunto a Canossa per allestire spettacoli da strada nell’ambito delle iniziative promosse in occasione dell’abbattimento dell’Ecomostro. Al termine della rappresentazione si è spostato nei pressi del Castello di Canossa dove ha trascorso la serata mangiando un panino. Al momento di andarsene la sorella 35enne, in preda a un fortissimo disorientamento spazio – temporale (conseguente al suo precario stato di salute psichico ndr) si è spogliata e sostenendo di voler vivere a contatto con la natura si è rifiutata di far ritorno a casa, nel milanese. Il fratello a quel punto, senza chiamare alcun soccorso, andava via lasciandole un cappotto. Poco prima dell’alba al 112 è giunta la segnalazione di una donna nuda che vagava nei pressi del Castello. Nel timore che si fosse consumata una violenza ai suoi danni, i militari si sono precipitati sul posto. Trovata la donna con indosso un capotto i militari garantivano i primi soccorsi alla donna che veniva condotta presso il competente ospedale. Al termine di un consulto psichiatrico veniva ricoverata in trattamento sanitario obbligatorio.

Nel frattempo gli accertamenti dei carabinieri del Nucleo Radiomobile di Castelnovo Monti consentivano di risalire al fratello, un 33enne domiciliato nel milanese, il quale veniva convocato in caserma. Alla luce di quanto poi ricostruito l’uomo veniva denunciato alla Procura reggiana per il reato di omissione di soccorso avendo abbandonato la sorella incapace di provvedere a se stessa omettendo di allertare i soccorsi. L’uomo inoltre nel corso della verbalizzazione veniva trovato in possesso anche di mezzo grammo di hascisc motivo per cui veniva segnalato quale assuntore di stupefacenti alla competente Prefettura reggiana.