Home Appennino Modenese L’Istituto Cavazzi Sorbelli di Pavullo ha ospitato 33 studenti del progetto Erasmus+...

L’Istituto Cavazzi Sorbelli di Pavullo ha ospitato 33 studenti del progetto Erasmus+ “MoM, Matters of Matters”

Nella settimana dal 4 all’ 11 marzo l’Istituto Cavazzi Sorbelli sez. scientifica ha ospitato 33 studenti e 6 insegnanti provenienti da Portogallo, Irlanda e Germania, nell’ambito del progetto Erasmus+ “MoM, Matters of Matters” , di cui la nostra scuola è capofila. Il Liceo scientifico di Pavullo non è nuovo a progetti di questo genere, avendo già partecipato in precedenza ad un progetto europeo sulle energie rinnovabili e ad uno sulla fisica sperimentale con gli USA, entrambi con mobilità degli studenti.

I partecipanti a MoM sono stati ospiti nelle famiglie degli studenti italiani che negli anni passati hanno usufruito della mobilità e ospitalità straniera. Il programma della settimana era intenso: sfide sperimentali in team internazionali articolate in un vero e proprio “Materials Decathlon” presso i laboratori dell’Istituto; confronto sul lavoro svolto tra le mobilità per uno scambio di idee su materiali innovativi e nuove tecnologie fra giovani che saranno i fruitori o magari anche gli  imprenditori del futuro; visite a realtà italiane all’avanguardia nello studio e nella realizzazione dei nuovi materiali tra cui l’IIT di Genova; incontri con istituzioni e realtà locali per un vero scambio interculturale .

Si è trattato del quarto ed ultimo incontro del progetto, dopo la mobilità a Barcelinhos (Portogallo) nel marzo 2015, Drogheda (Irlanda) ottobre 2015, Papenburg (Germania) marzo 2016. MoM si concluderà il prossimo Agosto con una scuola estiva in Appennino per docenti di materie scientifiche di tutta Europa, sia italiani che stranieri, ed una mostra sui nuovi materiali in Settembre c/o il Palazzo Ducale di Pavullo. Impegnativo per durata e numero di studenti coinvolti, il progetto è stato un successo su tutti i fronti a detta dei docenti e delle famiglie: oltre ad aver innovato la didattica scientifica ha sicuramente contribuito a sviluppare in tutti i partecipanti la consapevolezza di essere cittadini d’Europa.