Home Appennino Modenese La scomparsa di Giordano Giusti, figura di spicco dello sport pavullese

La scomparsa di Giordano Giusti, figura di spicco dello sport pavullese

Giusti-VenturelliSi è spento mercoledì sera a Pavullo, Giordano Giusti, una delle figure più note dello sport pavullese, in particolare del mondo del ciclismo. Giusti, che aveva compiuto da poco più di due mesi 76 anni, fu uno dei protagonisti, insieme a Romeo Venturelli e al fratello Gabriele, del periodo d’oro del ciclismo pavullese, fra gli anni ’50 e ’60 del secolo scorso. Nel 1953 fu campione emiliano Esordienti e l’anno successivo campione emiliano a squadre Allievi. Ma fu fra i dilettanti che Giusti ottenne i risultati più prestigiosi, come il Trofeo della Vittoria e il Trofeo Cervellati, entrambi sulle strade di Bologna. Da ricordare lo splendido duello con l’amico – rivale Romeo Venturelli nel Giro del Frignano del 1957, conclusosi con la vittoria di Venturelli e del quale ancora oggi si parla, a Pavullo e dintorni, fra i vecchi appassionati delle due ruote. Nel 1956, Giusti, che fu soprannominato il “Sire”, fu convocato dall’allora Ct dei dilettanti Proietti fra i 18 selezionati per formare la squadra da schierare alle Olimpiadi di Melbourne, ma in una gara preolimpica disputatasi a San Marino, dove si piazzò comunque terzo, investì uno spettatore procurandosi lesioni che gli impedirono la trasferta in Australia. Ritiratosi dallo sport attivo è stato uno dei più assidui nell’organizzazione di eventi e, come dirigente, nella cura della crescita di tante generazioni di ciclisti, fino a essere uno dei promotori della nascita, pochi mesi fa, della nuova società Us Pavullese, intitolata alla memoria di Romeo Venturelli, della quale fu nominato socio onorario. Il Sire, poi, che in gioventù fu il primo capitano di Venturelli, negli ultimi anni si trasformò in un vero e proprio gregario del campione decaduto, aiutandolo, insieme ad altri amici, a rientrare a Pavullo dopo uno vita segnata da tante, troppe, trasgressioni. I funerali di Giordano Giusti si terranno sabato 29 giugno alle 9,30 presso la chiesa di Monteobizzo.