Home Ambiente Il presidente dell’Ente di gestione dei Parchi dell’Emilia Centrale Pasini chiede il...

Il presidente dell’Ente di gestione dei Parchi dell’Emilia Centrale Pasini chiede il rispetto delle regole per la caccia sui valichi

Foce-GiovoGiovanni Battista Pasini, presidente dell’Ente di gestione dei Parchi dell’Emilia Centrale, prende posizione e assume una decisa iniziativa per contrastare le violazioni di legge da parte dei cacciatori provenienti dalla Toscana che “sistematicamente ogni anno praticano la caccia agli uccelli migratori in prossimità del crinale ai confini con l’Emilia-Romagna”. Pasini scrive all’assessore all’Agricoltura, caccia e pesca della Regione Toscana Gianni Salvadori ed ai presidenti delle province di Lucca e di Pistoia, mettendo in evidenza la problematica e chiedendo alle istituzioni al di là del crinale appenninico di prendere i dovuti provvedimenti.

La violazione in questione riguarda il divieto di caccia sui valichi montani previsto dall’articolo 21 della legge n. 157/92 fino ad una distanza dagli stessi di almeno un chilometro. “I cacciatori provenienti dalla Toscana – scrive il presidente dei Parchi dell’Emilia Centrale – contravvenendo a questa norma, si portano fino a ridosso del confine per cacciare l’avifauna migratoria che oltrepassa il crinale. In ripetute occasioni gli uccelli abbattuti sono stati recuperati in territorio emiliano”.

La violazione, in questo caso, diviene ancora più grave, considerato che i crinali che confinano con i territori provinciali di Lucca e di Pistoia sono tutelati a parco.

“La situazione non è più tollerabile – conclude nella sua lettera Pasini – e chiedo, nell’ambito delle rispettive competenze, di adottare le misure più opportune e di disporre rigorosi controlli affinché questi incresciosi fenomeni non si ripetano”.