Home Appennino Reggiano Espulso imam radicalizzato: aveva vissuto nel reggiano

Espulso imam radicalizzato: aveva vissuto nel reggiano

Un imam marocchino di 51 anni, M.M., fino a sei mesi fa residente a Carpineti e di recente nel Vicentino, è stato espulso su provvedimento del ministro dell’Interno per motivi di ordine pubblico e sicurezza dello Stato. Era seguito da tempo dalla Digos della Polizia di Reggio Emilia per il suo atteggiamento radicale, e ultimamente i suoi sermoni a Noventa Vicentina avevano assunto un profilo sempre più antioccidentale. Il sospetto è che potesse anche agevolare il terrorismo internazionale. M.M. è stato prelevato ieri da casa, ed è stato imbarcato su un volo in partenza da Fiumicino e diretto in Marocco. Proprio in ragione della sua sospetta pericolosità gli è stato inflitto il divieto di rientrare in Italia per i prossimi 15 anni. L’accusa per l’imam di matrice salafita è di essere un sostenitore dell’Islam radicale. L’uomo era da qualche mese alla guida del Centro di preghiera e cultura islamica a Noventa Vicentina, dove era arrivato alla fine dell’anno scorso da Carpineti. A Reggio Emilia seguiva una comunità religiosa in località Gatta.