Home Cronaca È venuto a mancare il presidente Luciano Guerzoni

È venuto a mancare il presidente Luciano Guerzoni

È morto questa mattina a Modena, all’età di 82 anni, Luciano Guerzoni, già deputato per la Sinistra indipendente e per il movimento dei Cristiano sociali (di cui è stato tra i fondatori) e sottosegretario all’Università e alla ricerca scientifica nei governi Prodi, D’Alema e Amato dal 1996 al 2001. Ne danno l’annuncio la Fondazione Ermanno Gorrieri per gli studi sociali, di cui era presidente, assieme alla famiglia. Luciano lascia la moglie e tre figli.

Oggi, martedì 1 dicembre, alle ore 18 presso la parrocchia della Beata Vergine Addolorata (via Rangoni, 26 – Modena) verrà recitato il rosario; a seguire, alle ore 18,30, sarà celebrata una messa. I funerali si svolgeranno giovedì 3 dicembre alle ore 9,30 (orario da confermare) sempre presso la parrocchia della BVA. La salma sarà tumulata presso il cimitero di Castelvetro.

Nato a Napoli nel 1938, Guerzoni si è laureato nel 1953 in Giurisprudenza con pieni voti e lode all’Università degli studi di Modena, di cui è stato professore ordinario di Diritto ecclesiastico. Nella sua carriera ha scritto numerosi testi sulla problematica storico-giuridica dei rapporti fra Stato e confessioni religiose e in materia di libertà religiosa e di laicità dello Stato, nonché in tema di Stato sociale e di politiche sociali.

Consigliere e presidente della Fondazione San Carlo di Modena dal 1967 al 1988, è stato deputato al Parlamento per la Sinistra indipendente dal 1983 al 1992 e per il movimento dei Cristiano sociali dal 1994 al 1996, poi Sottosegretario all’Università e alla ricerca scientifica nei governi Prodi, D’Alema e Amato (1996-2001). Era membro del Consiglio di amministrazione della Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII di Bologna. È stato nel 2016 tra i fondatori della Fondazione Pietro Lombardini per gli studi ebraico-cristiani, con l’intenzione di promuovere gli studi biblici, la conoscenza del mondo ebraico, la relazione tra ebraismo e cristianesimo, la ricerca e il dialogo di carattere interreligioso. Nel 2004 Guerzoni si candidò alle primarie del centrosinistra per individuare il candidato a sindaco di Modena, sfidando il futuro sindaco Giorgio Pighi.

Una parte del suo impegno politico e sociale lo vede accanto a Ermanno Gorrieri, partigiano, sindacalista, cooperatore, parlamentare e ministro, fondatore dei Cristiano sociali e cattolico democratico morto il 29 dicembre 2004. «Avevo da poco terminato il liceo. Gorrieri mi invitò a un corso di formazione politica – ricorda lo stesso Guerzoni in una pubblicazione -. Uno dei tanti da lui progettati e realizzati, nella seconda metà degli anni 50, per la costruzione di quella che sarebbe diventata nella Cisl, nella Dc e nelle molteplici organizzazioni dell’area cattolica, la ‘sinistra modenese’». Dopo la morte di Gorrieri è stato proprio Guerzoni uno dei principali promotori della costituzione della Fondazione Gorrieri per gli studi sociali. Ha collaborato con Gorrieri nella Commissione nazionale per i problemi della famiglia, presso il ministero del Lavoro tra il 1980 e il 1983, e nella Commissione di indagine sulle povertà in Italia presso la presidenza del Consiglio dei ministri tra il 1984 e il 1985.

Negli ultimi tempi Luciano Guerzoni si è particolarmente dedicato alla partecipazione dei giovani all’impegno civile e politico.