Ora in onda:
____________

Tutto si è fermato, ma tutto tornerà in moto perché il mondo non si ferma mai. La Compagnia delle Opere d’Emilia Romagna è pronta a ritrovarsi, in totale sicurezza e nel pieno rispetto delle norme, con una serie di incontri in contemporanea che hanno la funzione di avvicinare ancora di più chi, in questi mesi, si è tenuto in contatto attraverso le iniziative dell’associazione, gruppo capace di sfruttare al meglio le tante soluzioni offerte dalla rete. L’iniziativa si chiama “Quel filo che ci unisce” e si svolgerà giovedì 16 luglio a partire dalle 19.

Gli imprenditori associati si ritroveranno a Bologna, a Roncadello di Cremona, a Forlì, Modena, Rimini e a Roveleto di Cadeo (Piacenza) in contemporanea e utilizzeranno il web per seguire da vicino gli spunti che CDO saprà suggerire loro. A tenere tutti collegati sarà YouTube con una diretta che si svilupperà con una doppia intervista a Guido Bardelli (presidente di CDO) e all’imprenditore Cristian Lami.

“Sarà un evento diffuso che vuole darci l’opportunità di ritrovarci “tutti insieme”: tanti eventi locali in contemporanea, da Piacenza a Rimini e dall’Appennino al Po, con un momento di incontro in streaming sul canale YouTube Cdo Emilia-Romagna” così il coordinatore regionale Francesco Montanari, che ha inoltre aggiunto: “In questi mesi abbiamo fatto del nostro meglio per organizzare webinar ed iniziative su Zoom, cercando di tenere l’entusiasmo vivo e di non abbassare la guardia davanti a quello che è uno dei periodi più difficili della nostra storia recente.

Pronto a raccogliere la sfida anche il presidente Guido Bardelli, che ha diffuso questo messaggio in vista dell’evento di giovedì: “”Vogliamo continuare a proporre strumenti sempre più adeguati e innovativi per uno sviluppo sostenibile delle imprese e delle opere sociali, Desideriamo che la Cdo nei prossimi anni diventi un punto di riferimento per tutti gli imprenditori e professionisti che nel mondo profit e non profit cercano un approccio positivo, fatto di proposte, soluzioni e verifiche sul campo, per affrontare le sfide di una società in rapido cambiamento». «Un luogo aperto al dialogo e al confronto, a servizio delle persone che lavorano e vedono nell’eccellenza dell’imprenditoria italiana nel mondo un’occasione per costruire un’economia più umana”.

 


Previous articleParte oggi un nuovo stralcio di lavori per la messa in sicurezza della Pietra di Bismantova
Next articleAppuntamenti culturali a Castelnovo nei prossimi giorni