Home Appennino Reggiano Casina, sorpreso a cacciare il cinghiale con fucile vietato

Casina, sorpreso a cacciare il cinghiale con fucile vietato

CacciacingNegli ultimi giorni la Polizia provinciale ha intensificato l’azione di controllo sull’attività di caccia al cinghiale in forma collettiva, esercitata, nel Reggiano, da oltre un migliaio di cacciatori. Tale forma di prelievo, per le proprie caratteristiche, comporta un notevole impatto non solo sull’habitat selvatico, ma potenzialmente anche –  ed è aspetto ben più rilevante – su chi in quelle zone vive o lavora. Per questo motivo la vigilanza è elevata e la Polizia Provinciale opera un costante e rigoroso servizio di prevenzione e, come a volte accade, anche di repressione di illeciti. Lo scorso fine-settimana, in una zona boscata tra Casina e Carpineti, è stato infatti sorpreso in azione, all’interno di una squadra organizzata di battuta al cinghiale, un cacciatore che stava utilizzando un’arma vietata: un fucile semiautomatico a canna rigata con caricatore da 8 colpi. Il cacciatore – un 62enne di Casina – è stato denunciato dalla Polizia provinciale all’autorità giudiziaria e ora rischia sanzioni penali piuttosto severe. “Ciò che più preme è comunque far risaltare come l’illecito utilizzo di armi con un così elevato volume di fuoco possa creare situazione di pericolo per la difficoltà di prevedere la traiettoria dei tanti colpi esplosi in rapida successione, rischiando di mettere a repentaglio l’incolumità, non solo dei colleghi cacciatori, ma anche di altri fruitori del bosco – sottolinea il  comandante della Polizia provinciale, Andrea Gualerzi – Invitiamo pertanto nuovamente tutti i cacciatori a mantenere sempre un atteggiamento di prudenza e di scrupoloso rispetto delle prescrizioni e delle normative, con particolare attenzione alle condizioni di utilizzo delle armi”.