Home Ambiente CAI: “a qualcuno non piace la segnaletica dei sentieri nell’alto Appennino reggiano”

CAI: “a qualcuno non piace la segnaletica dei sentieri nell’alto Appennino reggiano”

Distruzione-di-segnaleticaLa Sezione reggiana del Club Alpino Italiano segnala con disappunto che qualcuno ancora si diverte a spaccare la segnaletica dei sentieri nell’alto Appennino reggiano. La segnalazione riguarda in particolare la zona dei Prati di Sara, sotto il Cusna, dove sono state rotte diverse tabelle segnaletiche sui sentieri Cai n. 623, 625 e 635 A. Si tratta anche di tabelle in alluminio, collocate in loco da poche settimane.

“I Prati di Sara – spiega il vicepresidente del Cai Elio Pelli – sono una delle zone più belle del nostro Parco Nazionale, molto frequentate e apprezzate dagli escursionisti. Non si riesce a capire questo accanimento contro la segnaletica, utilissima per gli escursionisti. Alcune tabelle erano appena state ricollocate al posto di altre divelte o impallinate. Voglio poi far presente che queste, come tante altre tabelle sui sentieri reggiani, sono state realizzate e sistemate a spese del Cai, senza nessun contributo”.

Elio Pelli è uno dei tanti volontari del Cai che mettono a disposizione la loro esperienza e il loro tempo per segnare i sentieri e fare la costante manutenzione. “Il nostro – spiega il vicepresidente del Cai – è un lavoro disinteressato e fatto con grande passione. Tutti noi lo facciamo perché vogliamo bene alla nostra montagna, e perché sia frequentata con sicurezza e consapevolezza dagli escursionisti. La nostra rete dei sentieri è uno degli elementi che più valorizza l’Appennino reggiano. Evidentemente c’è sempre qualcuno a cui i sentieri e i tanti escursionisti danno fastidio. Non penso siano persone che vogliono bene alla montagna.”