Home Bologna Autotrasportatore alterava dati di guida sorpreso dalla Polizia

Autotrasportatore alterava dati di guida sorpreso dalla Polizia

Gli intensi controlli al traffico di mezzi pesati predisposti dal Compartimento Polizia Stradale dell’Emilia Romagna in occasione dell’emergenza Covid19, hanno consentito di smascherare e sanzionare con una contravvenzione salatissima e la sospensione della patente di guida, un autotrasportatore originario della di Palermo, classe 1978, che ieri pomeriggio viaggiava sulla rete autostradale nazionale ben oltre i limiti delle ore di guida giornaliere imposte dal codice della strada.

Il fatto è successo sull’autostrada A13 Bologna – Padova, quando una pattuglia della Sottosezione di Altedo, verso le ore 18.00, intercettava un autoarticolato di una Ditta italiana con sede in provincia di Palermo che procedeva in direzione sud.

Gli Agenti intimavano all’autista di uscire al casello di Occhiobello (RO) per procedere ai consueti controlli di Polizia Stradale con l’innovativo strumento computerizzato denominato “Police Controller” ormai da tempo fornito dal Ministero dell’Interno alle pattuglie, che consente di analizzare attentamente tutti i dati di viaggio dei mezzi pesanti e di scovare eventuali alterazioni o manomissioni del cronotachigrafo digitale.

Non appena ricevuti i dati della cosiddetta “scatola nera” dell’autoarticolato, l’occhio elettronico segnalava agli Agenti un elevato numero di anomalie, tanto da indurli a scortare l’autoarticolato presso la vicina officina autorizzata RENAULT di Occhiobello per sottoporlo ad accertamenti tecnici, che davano esito positivo in quanto veniva scovato un circuito elettronico telecomandabile a distanza installato in parallelo a quello originale, che consentiva di interrompere la rilevazione dei parametri di viaggio del cronotachigrafo digitale.

Tale dispositivo, consentiva inoltre all’autista del mezzo di viaggiare a velocità nettamente superiori a quelle consentite dai limitatori installati di serie dai costruttori sui trattori stradali, solitamente fissate al massimo a 90 km/h, ponendo a grave repentaglio la sicurezza degli altri utenti in transito in autostrada.

Per l’autista scattava immediatamente la sospensione della patente di guida associata ad una salatissima contravvenzione di 1736 € elevata ai sensi dell’art. 179 comma 2 del codice della strada, oltre all’immediato sequestro del cosiddetto circuito fantasma ed al ripristino del mezzo alle condizioni originarie.

I controlli della Polstrada continueranno ad essere particolarmente intensificati in tutto il periodo di emergenza Covid19 su tutte le autostrade della Regione Emilia Romagna.