Home Cronaca Attività antidroga della Polizia di Stato e della Municipale di Modena

Attività antidroga della Polizia di Stato e della Municipale di Modena

Nei giorni scorsi, durante un’attività mirata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, personale della Squadra Mobile di Modena unitamente alla locale Polizia Municipale, ha tratto in arresto un cittadino italiano con precedenti specifici. In particolare, l’uomo aveva scelto come piazza di spaccio alcuni parcheggi cittadini adiacenti a supermercati o esercizi commerciali al fine di eludere maggiormente eventuali controlli da parte della polizia.

Gli investigatori hanno predisposto un mirato servizio di osservazione e pedinamento che ha consentito di fermare l’indagato in zona periferica mentre era in attesa dei suoi potenziali acquirenti.

Nella circostanza è stato trovato in possesso di alcune dosi di cocaina, già preconfezionate, per un peso di 4 grammi, mentre la successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire e sequestrare circa 25 grammi della medesima sostanza, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento, nonché la somma di circa 1200 euro in contanti quale provento dell’attività illecita. L’uomo è stato tratto in arresto e sottoposto al successivo giudizio per direttissima, che ne ha disposto la misura degli arresti domiciliari.

Nell’ambito della suddetta attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, anche grazie ad alcune segnalazioni giunte dai residenti nella zona adiacente alla stazione centrale, personale della Squadra Mobile nella serata di lunedì scorso ha denunciato in stato di libertà un cittadino nigeriano, il quale aveva cercato di disfarsi, alla vista degli operanti, di 7 dosi termosaldate di cocaina dal peso complessivo di 3 grammi circa.

Sempre durante il medesimo servizio di polizia giudiziaria sono stati identificati altri quattro soggetti che stazionavano nella suddetta zona, alcuni anche con precedenti specifici, permettendo agli investigatori di dare un immediato e diretto riscontro alla finalità del servizio stessi, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti.