Home Appennino Modenese Attivato a Pavullo il primo punto d’accesso gratuito alla rete wi fi

Attivato a Pavullo il primo punto d’accesso gratuito alla rete wi fi

Piazza-Montecuccoli-PavulloÈ stato attivato in questi giorni, a Pavullo, in via sperimentale, il primo punto d’accesso gratuito alla rete wi fi della Regione Emilia Romagna, che consentirà, dopo una rapida registrazione, di navigare gratuitamente su internet nei punti coperti dal servizio. In questo primo passaggio, l’area interessata è quella di piazza Montecuccoli, davanti alla sede municipale. La registrazione, che necessita di pochi, semplici passaggi, consentirà anche, oltre alla consueta navigazione internet di accedere direttamente a diversi servizi on line offerti dalla Regione. In un prossimo futuro, il servizio, che fa parte della rete regionale Wisper, sarà esteso ad altre tre aree. Palazzo Ducale e zona Paradiso dei Pini; biblioteca comunale “G. Santini” e piazza Cesare Battisti, con copertura anche di parte di piazza Borelli, tutte zone della cittadina di forte passaggio e incontro, con l’obiettivo, in futuro, di ampliarlo ad altre aree del centro. Il progetto, è stato finanziato con i fondi della Legge Regionale in materia di politiche per le giovani generazioni. Il Comune di Pavullo, in qualità di capofila, ha presentato un progetto anche per i Comuni di Serramazzoni, Lama Mocogno, Pievepelago, Fanano e Polinago e su un progetto complessivo di circa 36.000 euro, ha ricevuto un contributo di 17.000 euro. La quota in carico al Comune di Pavullo è di 3.800 euro su un progetto che ne è costati circa 12.800.

“La realizzazione dei punti d’accesso gratuiti alla rete internet, era uno di nostri impegni programmatici, che sta trovando soluzione – commenta il Sindaco di Pavullo Romano Canovi -. Questo anche grazie alla collaborazione con Lepida, che è lo strumento operativo promosso dalla Regione Emilia-Romagna per la pianificazione, lo sviluppo e la gestione delle infrastrutture di telecomunicazione, con la quale dovremo lavorare ancora in futuro, per superare ulteriormente il digital divide sul territorio di Pavullo e del Frignano”.