Home Appennino Modenese “Artinscena” prosegue domani con due appuntamenti a Sestola e a Fiumalbo

“Artinscena” prosegue domani con due appuntamenti a Sestola e a Fiumalbo

sestola-colorsCinque musicisti sudtirolesi trasformano l’ottone in dolci suoni, dando vita allo spettacolo “Colors”, in programma alle ore 21 di domani lunedì 19 agosto, in Piazza Vittoria a Sestola. I Bozen Brass propongono un viaggio attraverso tutte le epoche della storia della musica e i diversi stili con un programma non convenzionale e di alto livello artistico. Passando da La Vie en Rose di Edith Piaf a Bad Girl di Jamiroquai, da Duetto buffo di due gatti di Gioacchino Rossini a Billy Jean di Michael Jackson, solo per citare alcune della performance in programma, Norbert Fink al corno, Anton Ludwig Wilhalm e Robert Neumair alla tromba, Stefan Mahlknecht al trombone e Toni Pichler al bassotuba trasmettono al pubblico gli ingredienti fondamentali del loro mestiere: l’amore per la musica e il puro piacere nel praticarla.

Norbert Fink è il cornista del gruppo dal 1991 e suona un corno “Paxman” di Londra. Dopo gli studi al Conservatorio di Bolzano, alla Musikhochschule di Stoccarda con Radovan Vlatkovic e numerosi corsi di perfezionamento con noti cornisti, Fink prende parte all’Orchestra Giovanile Italiana, con la quale suona nei più grandi teatri italiani e alla Gustav Mahler Jugendorchester sotto la guida di Claudio Abbado, con la quale si è esibito nelle più famose sale da concerto d’Europa. È attivo come insegnante di corno presso le scuole musicali di Bolzano e dintorni, e insegna regolarmente presso i corsi estivi di musica per la gioventù sudtirolese.

Anton Ludwig Wilhalm fa parte del gruppo dal 1993, dopo aver studiato al Conservatorio di Innsbruck, a quello di Augsburg e infine alla Hochschule für Musik a Detmold. Ha suonato in diverse orchestre e gruppi in Italia, in Germania e in Svizzera. In qualità di vincitore del concorso internazionale per ottoni di Passau, ha effettuato numerose registrazioni radiotelevisive e discografiche.
I numerosi seminari da lui tenuti, non soltanto assieme ai colleghi di Bozen Brass, sono per lui l’occasione di trasmettere le sue conoscenze musicali.

Spesso è chiamato a far parte della giuria in concorsi nazionali ed internazionali.

Robert Neumair, l’ultimo entrato nei Bozen Brass, con Anton Ludwig Wilhalm suona la tromba e il flicorno, e insieme costituiscono anche un duo vocale. Musicista talentuoso, quando serve suona anche la batteria e la fisarmonica stiriana. I primi contatti con la musica li ha prima dei tre anni attraverso la fisarmonica di suo padre, lo studio del pianoforte della tromba che completa all’età di 13 anni quando si iscrive al Conservatorio di Innsbruck. Più tardi continua la sua esperienza musicale con il ruolo di praticante nell’Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese.

Stefan Mahlknecht come trombonista del gruppo si occupa delle note più gravi delle performance. Già da ragazzino suona nella banda di Nova Ponente, poi l’orchestra del coro parrocchiale e in vari altri gruppi di ottoni. Al Conservatorio di Bolzano ha modo di rifinire ulteriormente le sue capacità musicali sotto la guida di Iginio Ferrari e di fare tesoro dei consigli di importanti trombonisti come Hansjörg Profanter.

In qualità di orchestrale, Stefan ha suonato nell’orchestra Haydn di Bolzano e Trento, presso il Teatro Stabile di Bolzano e con Windkraft, Orchestra per la nuova Musica. All’Istituto per l’Educazione Musicale è attivo come insegnante di ottoni gravi dal 1990.

Toni Pichler Suona la tuba nei Bozen Brass dal 1989. Dopo l’esperienza di soprano in vari cori, continua gli studi di musica a Vipiteno con Walter Holzer e più tardi al Conservatorio di Innsbruck con i professori Anton Hell, Reinhard Gritsch e Jakob Stroeher. Insegna tuba a Bressanone, a Bolzano e a Lana presso l’Istituto di Educazione Musicale in lingua tedesca e ladina.

Appuntamento da non perdere domani, lunedì 19 agosto, nel centro storico di Fiumalbo con il concerto “Tributo a Luciano Ligabue”. A partire dalle ore 21, la band Radio Radianti, nata nell’estate del 2009 dall’unione di cinque musicisti professionisti e semi-professionisti della provincia di Modena, propone uno spettacolo molto simile agli ultimi concerti di Ligabue. Fausto Sacchi (voce), Paolo Gianoli (chitarra elettrica e cori), Luca Poppi (chitarra elettrica), Mirko Poppi (basso)
e Lele Veronesi (batteria) suoneranno per il pubblico sia i grandi classici sia i brani degli ultimi album di Ligabue, mixando la pura grinta del rocker emiliano con le sue eterne ballate.

“Artinscena”, organizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Modena torna mercoledì 21 agosto con la prima serata dell’undicesima edizione di Arcipelaghi Sonori, festival internazionale di musica etnica, in programma il 21 e 22 agosto alle ore 21.30 al Parco di Villa Boschetti a San Cesario sul Panaro.

E ancora: grande attesa per David Riondino, che si esibirà a partire dalle ore 21 all’Anfiteatro di Fiumalbo, sempre mercoledì 21 agosto con lo spettacolo “David Riondino in Don Chisciotte”, accompagnato alla chitarra da Andrea Candeli.