Ora in onda:
____________

Con il proseguire delle limitazioni che costringono alla permanenza in casa, per alcune persone si avverte un crescente disagio psicologico, in particolare le persone anziane e che magari vivono sole. Per questo la Croce Verde di Castelnovo Monti e Vetto ha attivato un nuovo servizio, “Telefono Amico”, che viene svolto in collaborazione con i Servizi Sociali del territorio.

Spiega il Presidente della Pubblica Assistenza, Iacopo Fiorentini: “In questo periodo siamo impegnati a dare supporto alla comunità in diversi modi, tra i servizi di emergenza, i trasporti ordinari, la consegna a domicilio di spesa e medicinali alle fasce deboli della popolazione. Ora abbiamo ritenuto, insieme ai Servizi sociali, che sia di grande importanza dare un sostegno telefonico, agli anziani e non solo, che stanno lottando contro la solitudine. Sono previste telefonate ai cittadini over 65 da parte dei volontari per fare due chiacchiere e dare qualche informazione utile sui servizi disponibili, quali appunto la consegna dei farmaci e della spesa a domicilio, ma anche semplicemente per passare qualche minuto in compagnia e uscire dalla condizione di isolamento.

Ci raccomandiamo però alcune precauzioni per coloro che intendono fruire del servizio: non prenderemo appuntamenti per nessun tipo di visita a domicilio, per cui se dovessero chiamare chiedendo di venire a casa vi preghiamo di segnalarlo alle forze dell’ordine. Se suonasse qualcuno spacciandosi per volontario e chiedesse di entrare in casa vostra, anche in questo caso chiamate le forze dell’ordine perchè sicuramente non saranno nostri volontari. I volontari non chiederanno denaro per questo servizio, che è completamente gratuito. Diffidate da chi invece ve li chiede”.

Conclude Fiorentini: “Se ci sono persone che si trovano ad affrontare difficoltà legate alle condizioni di isolamento, è possibile contattare la Croce Verde al numero di telefono 0522 612164 o i Servizi Sociali di Castelnovo Monti e Vetto al numero 0522 610129. Il nostro obiettivo è non lasciare solo nessuno in questo periodo così difficile”.


Previous articleRiapertura in sicurezza dopo il lockdown: dalla Regione un altro milione di mascherine per i lavoratori delle imprese emiliano-romagnole
Next articleProvincia di Reggio Emilia, anche il Bilancio 2019 si chiude in avanzo