Home Appennino Modenese Il Cavazzi/Sorbelli avvia il Comitato Tecnico Scientifico con i rappresentanti del Territorio

Il Cavazzi/Sorbelli avvia il Comitato Tecnico Scientifico con i rappresentanti del Territorio

Un altro tassello alla collaborazione tra Enti Locali, Associazioni di categoria, Imprese, mondo dello sport e del volontariato e Istituto Scolastico Cavazzi/Sorbelli di Pavullo, è stato aggiunto nei giorni scorsi con la costituzione di un Comitato Tecnico Scientifico e del relativo regolamento di funzionamento.

Alla presenza del Dirigente Scolastico prof. Graziosi Stefano si sono riuniti presso l’Aula Magna dell’Istituto per un primo incontro informale in vista della costituzione del Comitato Tecnico Scientifico della scuola. Erano presenti l’Assessore alle attività produttive del Comune di Pavullo dott. Daniele Iseppi, il  dott. Vecchiè Andrea per CNA Pavullo, la Sig.ra Romana Pollacci per Lapam, il Sig. Massimo Ferrari in rappresentanza di Confcommercio, la dott,ssa Alessandra Schianchi per il Distretto Sanitario di Pavullo, il Sig. Scorcioni Giuseppe per i genitori in seno al Consiglio d’Istituto e la prof.ssa Paola Mucci in rappresentanza del Distretto Scolastico.  Il dibattito si è concentrato, soprattutto sulla necessità di coordinare e di coprogettare percorsi di alternanza scuola lavoro condivisi, e che il mondo della scuola e quello dell’impresa/struttura ospitante non vengano più considerate come realtà separate, bensì integrate tra di loro, e nello stesso tempo concorrano a garantire un vantaggio competitivo ai giovani del Frignano.

Il referente Alternanza scuola lavoro, prof. Morante Guerino, ha presentato una prima bozza di atto costitutivo e regolamento, che dopo approvazione unanime dei presenti, sarà presentata al Collegio dei Docenti e al Consiglio d’Istituto. Si è trattato – spiega Morante – di un momento importantissimo per la vita della nostra scuola e di un’occasione eccezionale di confronto per attivare sinergie utili ad accrescere l’offerta formativa dell’istituto. Il Comitato, come si legge nell’articolato, può proporre programmi anche pluriennali di ricerca e di sviluppo didattico/formativo in rapporto al sapere, al mondo del lavoro e dell’impresa. Inoltre può formulare proposte e pareri in ordine ai programmi e alle attività con riferimento alla flessibilità, alle innovazioni e all’attivazione di nuovi indirizzi. La nomina dei componenti è di competenza del Dirigente scolastico il quale lo presiede. Rimane in carica tre anni e può articolarsi in gruppi di lavoro su temi specifici.

A ribadire l’importanza che l’Istituto da a questo comitato la presenza anche del referente all’orientamento prof. Mirco Rapini e della referente a “Simulimpresa” prof.ssa Vecchiè Rosalia.