Home Appennino Modenese Allievi della Scuola Alberghiera di Serramazzoni a “Centomani di questa terra” a...

Allievi della Scuola Alberghiera di Serramazzoni a “Centomani di questa terra” a Polesine Parmense

allievi-sarsGli allievi della specializzazione della Scuola Alberghiera e di Ristorazione di Serramazzoni hanno partecipato nei giorni scorsi alla seconda edizione di “Centomani di questa terra”. Si tratta del convegno-evento ideato dall’associazione Chef to Chef – Emilia-Romagna Cuochi per fare incontrare chef, produttori, sommelier, vignaioli ma anche comunicatori anomali del verbo mangiare, con l’intento di ascoltare, parlare e capire quando e perché il cibo diventa cultura. Nella splendida cornice dell’Antica Corte Pallavicina dei fratelli Spigaroli a Polesine Parmense si è parlato di come avviare un percorso di crescita qualitativa della gastronomia regionale. Seppur impegnati nella gestione operativa del servizio, gli allievi della Scuola di Serramazzoni hanno partecipato alle nove conferenze che a ogni ora, dalle 10 alle 18, hanno approfondito il ruolo della ristorazione in tutti i suoi aspetti, dal servizio di sala ai nuovi modelli di comunicazione, dalle reti tra chef e territorio ai centri gastronomici come possibili sedi di formazione permanente. Su quest’ultimo argomento è intervenuto come relatore anche Giuseppe Schipano, direttore della Scuola Alberghiera di Serramazzoni. Schipano si è confrontato con Patrizio Bianchi (assessore regionale alla Scuola e formazione professionale), Enzo Malanca (presidente Alma), Carlo Ottaviano (Gambero Rosso), Claudio Malagoli (docente di economia dell’azienda agroalimentare all’Università di Scienze Gastronomiche), Luciana Rabaiotti (Istituto Alberghiero Magnaghi di Salsomaggiore Terme), Laila Tentoni (vicepresidente Casa Artusi) e Andrea Fabbri (presidente Master Comet Università di Parma). Durante l’intera giornata sono avvenute degustazioni di prodotti d’eccellenza raccontati direttamente dai loro produttori. Inoltre dagli chef sono giunte proposte nuove che andranno ad arricchire la “carta” 2013 dei migliori ristoranti.